Il silenzio-assenso del collegio docenti

proteste-in-messicoIl silenzio-assenso di un collegio docenti fa spavento. Soprattutto oggi, che una qualche forma di resistenza bisognerebbe pur tentarla, in opposizione alle politiche scellerate che distruggono la scuola e snaturano la sua inclinazione pubblica, libera, creativa. Il silenzio-assenso riempie quella stanza destinata al confronto, alla discussione, perfino ai diverbi, e la satura di nulla.

Si tratta di un silenzio soffocante e disgustoso. Il fatto è che mentre noi rinunciamo con troppa facilità all’obiezione, in Messico i nostri colleghi continuano a rifiutare con fermezza la riforma educativa proposta dal Presidente Peña Nieto. E in Messico ci vuole coraggio. Perché, se la riforma nei contenuti è molto (ma molto) simile alla buona scuola di Renzi, diversa è certamente la risposta del Governo alle critiche e alle proteste. Lì il governo spara, non va mica troppo per il sottile.

Nonostante il massacro di Nochixtlán del 19 giugno scorso (quando la polizia ha ricevuto l’ordine di sparare per uccidere i maestri e le maestre barricati da giorni in strada), nonostante gli arresti, le sparizioni e le torture subite dai dissidenti riuniti nel Coordinamento Nazionale dei Lavoratori dell’Educazione, la protesta dei maestri messicani non si è fermata.

In Messico l’anno scolastico è iniziato il 22 agosto, ma lo sciopero degli insegnanti ha bloccato l’apertura di moltissime scuole del paese.

Così, mentre noi finiremo per portarci addosso la responsabilità di ciò che sarà la scuola italiana del futuro, dall’altra parte dell’oceano ci viene offerta una lezione di coraggio e dignità. Due parole che purtroppo abbiamo tolto dalla nostra cassetta degli attrezzi. Noi stiamo in silenzio. Teniamo famiglia.

P.S.
In copertina alcuni familiari dei degli studenti della scuola normale di Ayotzinapa a Iguala, sequestrati e fatti sparire dalle autorità messicane.

Annunci

Informazioni su RP McMurphy

Chito e RP McMurphy vivono a Roma, ma qualcuno giura di averli visti più volte dalle parti di Maracaibo. Hanno un amore dichiarato verso tutti i sud del mondo e un’istintiva simpatia per chi vive ai margini.
Questa voce è stata pubblicata in scuola e contrassegnata con , , , , , . Contrassegna il permalink.

5 risposte a Il silenzio-assenso del collegio docenti

    • RP McMurphy ha detto:

      Ciao polepole, ti riferisci alle violente repressioni messe in atto dal Governo messicano (nell’indifferenza della comunità internazionale) o all’immobilismo, l’ignavia e la mancanza di coesione della nostra classe docente?

      • polepole ha detto:

        Ciao McMurphy, purtroppo mi riferisco a tutto quanto. È davvero agghiacciante. Grazie per averlo denunciato e fatto presente, certe notizie è difficile tirarle fuori dalle fonti che dovrebbero aggiornarci davvero… (oppure sono io che mi sono persa un bel po’ di cose).
        Lì il governo spara, qui invece… “non mi viene la parola” :/

  1. renata ha detto:

    L’anno scolastico si è aperto, come da rituale. Ormai di questo si tratta, un rituale che il ministro di culto (il dirigente ) e i fedeli (i docenti) in stato di raccoglimento celebrano per dar corso al nulla rivestito di efficienza. Lo riferiscono coloro che soffrono fra i banchi, una minoranza spesso troppo silenziosa, in attesa di vedere la vita vera: i bambini, i ragazzi.
    In Messico è in atto da anni la strategia del terrore al servizio del neoliberismo ( numeri spaventosi di morti e sequestrati: Federico Mastrogiovanni, “Ni vivos, ni muertos” Ed Grijalbo, México DF, 2014). Come segnali tu, malgrado tutto, si continua a lottare, a provare a dire “No”.
    Da noi, chissà se almeno il No alla de-forma costituzionale verrà barrato sulla scheda elettorale.
    A scuola, forse basterebbe dire semplicemente: “Preferirei di no”,ad incarichi, premi, spiccioli, sostituzioni illegittime, delibere-farsa, ecc.
    Domenica sarà l’11 settembre: non solo le Torri, ma Allende, una lezione da non dimenticare. Il Cile è stato il primo esperimento a tutto campo, a partire dalla distruzione della scuola. Buon inizio!

  2. RP McMurphy ha detto:

    Dal 2013 a oggi, in Messico, si contano 27.000 desaparecidos
    Dal 1998 i casi di femminicidio sono stati 40.000 (sei donne al giorno!)
    La polizia spara sui docenti in rivolta, sequestra e tortura (anche studenti)
    Le popolazioni indigene degli stati del sud sono costrette alla fame

    Nessuna riprovazione internazionale. Non si può. Dopotutto il Messico è uno stato cattolico, neoliberale, satellite degli USA. Per noi continua a essere soltanto la terra dei mariachi e dei sombreros, meta ambita per i viaggi di nozze.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...