come partecipare

Chiunque faccia parte di un movimento di resistenza che si rispetti deve darsi un nome clandestino. Un nome di battaglia. Le generalità di chi sta dietro quel nome sono indicate alla pagina la banda, accessibile solo agli iscritti.

La regola risponde all’assunto che non è il nome a essere importante, quanto piuttosto la sua testimonianza, che naturalmente sarà accessibile a ogni lettore del blog.

Gli interventi in vetrina dovranno essere brevi (massimo 70 parole), salvo poi rimandare a testi, esposizioni e documenti più dettagliati. Dovranno avere un titolo e dovranno rispettare l’esigenza di un dispaccio breve, di un messaggio chiuso in una bottiglia, di un segnale morse lanciato mentre la nave sta affondando.

Se vuoi essere un autore del blog e pubblicare il primo post, invia una richiesta all’indirizzo chito@chito.it